Acqua potabile dalle acque reflue? Si, nella Silicon Valley

Fantascienza a parte, bere acqua estratta dalle proprie urine è solo il prossimo, naturale passo verso una fornitura di acqua potabile agli abitanti della contea di Santa Clara.

0
1959

Fantascienza a parte, bere acqua estratta dalle proprie urine è solo il prossimo, naturale passo verso una fornitura di acqua potabile agli abitanti della contea di Santa Clara, negli USA. Il nuovo impianto di depurazione hi-tech, attivato a luglio, può trattare le acque reflue urbane per ottenere acqua al 100% potabile. Con un investimento di 72 milioni di dollari, il nuovo impianto è dotato di un sistema di microfiltrazione, osmosi inversa e ultravioletti che, passo dopo passo, genera acqua potabile con un tasso di solidi totali disciolti pari a 40 parti per milione, contro le 215 ppm dell’acqua della Contea, rendendolo così, di fatto, il dispositivo più avanzato degli USA.

Al momento la centrale produce 8 milioni di litri d’acqua al giorno, pura come quella distillata che viene usata per irrigare campi da golf, parchi e prati della alle, e al più presto sarà utilizzata per raffreddare edifici e data center del Campus Apple di Cupertino e, nel 2025, si prevede di portare l’acqua così depurata per il 2025, quando si sarà ottenuto il consenso da parte dei cittadini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here