Annuncio shock di Renzi: “Via gli 80 euro dalla busta paga!”

0
925

I celebri 80 euro in busta paga verranno “rivisti” con la nuova legge di stabilità. Il bonus perderebbe il carattere di “prestazione sociale” a carico delle casse statali e diventerebbe un elemento in più nella strategia di riduzione della pressione fiscale. Tuttavia, diventando detrazione, il bonus verrebbe inevitabilmente legato al reddito. In poche parole, non sarebbe più di 80 euro per tutti i lavoratori (circa 10 milioni) al di sotto di una certa fascia, ma oscillerebbe a secondo del reddito annuo. «Va bene trasformare gli 80 euro in detrazione fiscale, ma è chiaro che chi finora ne ha beneficiato non può avere un calo del proprio reddito disponibile. La manovra finanziaria che il governo sta limando avrà un valore vicino ai 28 miliardi di euro. Al suo interno, oltre all’ormai certo taglio della Tasi dovrebbe trovare spazio anche l’annunciata riduzione dell’Ires per le imprese. Secondo calcoli del Mef, il taglio di un punto percentuale dell’imposta farebbe risparmiare alle piccole e medie imprese circa 1.200 euro l’anno, mentre per le grandi aziende il risparmio potrebbe raggiungere i 138 mila euro. Nella legge di stabilità verranno stanziate anche le risorse – circa 300 milioni – per il rinnovo dei contratti dei dipendenti statali”, ha affermato il deputato Pd Giacomo Portas.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here