Gioielliere ucciso a Roma: preso il killer ma in cella un’altra tragedia

0
1881

Il presunto killer di Giancarlo Nocchia, il gioielliere romano ucciso durante una rapina mercoledì scorso nel suo negozio di via dei Gracchi nel quartiere Prati, si è tolto la vita in cella. Ludovico Caiazza, questo il nome del presunto assassino, era stato arrestato poche ore prima dalla polizia ed era nel carcere di Regina Coeli. E’ stato trovato impiccato con un lenzuolo dagli agenti della polizia penitenziaria. Inutile ogni tentativo di rianimarlo. Caiazza era stato fermato su un treno diretto a Roma all’altezza di Latina: quando è stato fermato aveva con se il cellulare della vittima, due pistole e un borsone dove custodiva decine di gioielli, alcuni con la targhetta della gioielleria di via dei Gracchi e contanti. Per quattro giorni aveva fatto perdere le sue tracce: neanche la compagna e i familiari avevano avuto sue notizie. Ieri ha effettuato una telefonata a un suo amico di Latina spiegandogli che era intenzionato a tornare a Roma per prendere alcune cose e poi ripartire. Così i militari del Nucleo investigativo hanno controllato con personale in borghese tutti i treni diretti nella Capitale e lo hanno fermato su un convoglio partito da Caserta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here