Giovane ragazza licenziata per aver tolto dal suo cellulare una…

0
815

Una donna californiana, Myrna Arias, sostiene di essere stata licenziata dopo aver disinstallato un’applicazione che il datore di lavoro utilizzava per tracciarla tutto il giorno. La donna ha denunciato la società per laquale lavorava (Intermex) per violazione della Privacy. Il capo non ha negato, ma ha confermato l’intera vicenda. La donna, chiaramente, non sopportava il fatto di essere “controllata” persino nel tempo libero. Le avevano intimato di non denunciare la società per non perdere il suo posto di lavoro da 7.250 dollari al mese. Ora chiede un rimborso di ben cinquecento mila dollari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here