Impauriti, soli e cinici: questi i nuovi italiani

Soli, impauriti, vulnerabili e cinici: questi i nuovi italiani secondo il Rapporto sulla situazione sociale del Paese 2014 del Censis.

0
1766

Soli, impauriti, vulnerabili e cinici: questi i nuovi italiani secondo il Rapporto sulla situazione sociale del Paese 2014 del Censis.

Diseguaglianza, scarsa integrazione e corrosione del ceto medio: questi gli effetti primari della crisi; l’Italia, solitamente, ha fatto della coesione sociale un valore, ma le criticità presenti in alcune zone urbane non possono esser ridotte a semplice eccezione. Il capitale umano è ormai dissipato, e sono ben 8 milioni gli individui inutilizzati.

Vulnerabilità e cinismo: la crisi, come effetto secondario, ha causato un incremento del senso di vulnerabilità per gli italiani – il cui 60% adesso crede che chiunque, come affetto da un virus, possa divenir povero. E la reazione è un cinismo inaudito, che ferma investimenti e consumi, portando ad una filosofia egocentriche basata sul pensare a sé stessi.

Giovani non autonomi – Dei 4,7 milioni di giovani che vivono da oli, oltre un milione non arriva a fine mese, e 2,4 milioni ricevono aiuti dalle famiglie d’origine, con un elevato incremento del rischio di scissione tra welfare e giovani a causa delle difficoltà occupazionali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here