La bambina nel parcheggio: “Andate a controllare”. La scoperta fa gelare il sangue

0
1470

Una storia assurda, drammatica e dolorosa da raccontare. Nonna e zia costringevano la nipote di 13 anni a prostituirsi. Un orrore fatto di umiliazioni e degrado e violenze inaudite (la ragazzina veniva costretta a consumare rapporti con uomini molto anziani in un parcheggio del Trullo a Roma). L’incubo inizia nel 2014 quando gli agenti della Polizia di Stato avviano un’indagine dopo una segnalazione. Giunti nel parcheggio, i poliziotti hanno trovato la minore all’interno di un’auto in compagnia di un uomo di 67anni, arrestato per il reato di tentata induzione alla prostituzione. Sullo stesso luogo gli investigatori hanno identificato una donna di 26 anni, M.L., risultata essere la zia della minore. Denutrita e analfabeta, la ragazza era stata allevata col solo scopo di accrescere il reddito della famiglia. Alle operatrici, la giovane ha confidato che sia lei che le sue sorelline erano costrette a chiedere l’elemosina; in caso di rifiuto veniva punita e presa a cinghiate. CONTINUA A LEGGERE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here