+++La domenica non deve lavorare più nessuno+++

1
13936

A parlare è il vescovo di Melfi Gianfranco Todisco, che ha lanciato un appello a Sergio Marchionne per gli operai che lavorano nel rinomato stabilimento Fiat. Il vescovo chiede a Marchionne di fermare la produzione per un giorno e di lasciare, quindi, la domenica libera a tutti i lavoratori. Il tutto è contenuto in una lettera che il monsignore ha inviato a Marchionne, chiedendo all’ad “un miracoolo senza l’intervento divino”. “In fin dei conti, consegnare un’automobile con un giorno di ritardo non sconvolge il piano di produzione, che in questo momento va a gonfie e tenendo gli operai a casa la domenica, l’auto prodotta a Melfi avrebbe un valore aggiunto, la dignità della persona umana al primo posto. Non è una questione di fede: anche chi non crede o non pratica può sperimentare gli effetti benefici del riposo domenicale”, ha dichiarato il monsignore.
“La gestione dell’occupazione è una grande responsabilità umana e sociale, che non può essere lasciata nelle mani di pochi o scaricata su un ‘mercato’ divinizzato. Causare una perdita di posti di lavoro significa causare un grave danno sociale. C’è gente senza lavoro, gente che non trova lavoro e che non ha la digità di portare il pane a casa, e mi rallegro tanto quando vedo che i governanti fanno tanti sforzi per trovare posti di lavoro e cercare che tutti abbiano un lavoro. Il lavoro è sacro il lavoro da dignità a una famiglia e dobbbiamo pregare perché non manchi il lavoro in una famiglia”, ha affermato Papa Francesco.
“La moderna organizzazione del lavoro mostra talvolta una pericolosa tendenza a considerare la famiglia un ingombro, un peso, una passività, per la produttività del lavoro. A volte chi progetta è interessato alla gestione di forza-lavoro individuale, da assemblare e utilizzare o scartare secondo la convenienza economica. Quando l’organizzazione del lavoro tiene in ostaggio la famiglia, o addirittura ne ostacola il cammino, allora siamo sicuri che la società umana ha incominciato a lavorare contro se stessa”, ha concluso il Papa.

1 COMMENT

  1. siccome non è un reato lavorare,il il prete che blatera non deve rompere le sfere..Si vesta di saio,vada scalzo e al posto del cellulare usi una colomba viaggiatrice. Dandogli del prete t’ ho agevolato perchè se lo avessi identificato come vescovo, avrei aggravato la tua posizione di rompi sfere. pubblico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here