L’idea: cinque giorni festivi in più all’anno, ecco quali

0
496

Ai classici giorni festivi (Natale, Santo Stefano, Capodanno, Epifania, Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno, Ferragosto, 1 novembre e 8 dicembre) potrebbero aggiungersene altri cinque. Liberoquotidiano spiega come si articola la proposta di legge presentata da Mario Sberna, deputato di Scelta Civica. In sostanza,si tratta di cinque giorni nei quali si starebbe a casa o che andrebbero retribuiti di più. “Sono considerati festivi i seguenti giorni: a) il 19 marzo, giorno della festa di S. Giuseppe; b) il giorno dell’Ascensione, che cade 40 giorni dopo la Pasqua; c) il giorno del Corpus Domini, che cade il primo giovedì dopo la Pentecoste, che a sua volta cade 50 giorni dopo la Pasqua; d) il 29 giugno, giorno della festa dei santi apostoli Pietro e Paolo; e) il giorno di lunedì seguente la Pentecoste”, il testo della proposta. La proposta di legge chiede l’abrogazione del primo comma dell’articolo 1 della legge 5 marzo 1977, n. 54, ripristinando così i giorni che erano stati aboliti come festività civile nel 1977. CONTINUA A LEGGERE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here