Lo studio scientifico che dimostra che c’è vita dopo la morte

0
1422

Uno studio inglese dell’Università di Southampton ha investito un campo molto delicato: quello della vita oltre la morte. In particolare dei test sulle persone in arresto cardiaco comproverebbero il mantenimento di un certo grado di coscienza. I casi esaminati sono stati 2.060 tutti riferiti a persone in arresto cardiaco (ci sono voluti 4 anni): circa il 40 per cento dei sopravvissuti ha descritto esperienze coscienti provate mentre il loro cuore aveva smesso di battere. Un cinquantasettenne ha raccontato di avere lasciato il proprio corpo e di avere assistito alle procedure di rianimazione dello staff medico da un angolo della stanza nella quale era ricoverato. L’uomo, benché il suo cuore si fosse fermato per tre minuti, ha raccontato nei dettagli le azioni dei medici e degli infermieri e ha ricordato anche i suoni delle apparecchiature mediche. Il particolare che ha attirato l’attenzione dei ricercatori è stato che l’uomo ricordava i beep emessi da un particolare apparecchio, programmato per emettere segnali sonori ogni tre minuti. “Quell’uomo ha descritto tutto quello che è avvenuto in quella stanza, ma la cosa più importante è che si è ricordato di aver udito due beep. Questo ci permette di comprendere quanto è durata la sua esperienza” ha detto il responsabile della ricerca. Altre testimonianze parlano di una forte luce simile a un flash o a un sole splendente, mentre altri hanno raccontato di una sensazione di paura di affogare e venire trascinati in acque profonde. Infine, il 13 per cento di coloro che sono stati rianimati ha ricordato delle esperienze extracorporee e un aumento delle percezioni sensoriali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here