Loris, dichiarazioni shock della vicina: “Ho visto il nonno Andrea e Veronica mentre….”

0
1579

Una vicina di casa di Veronica Panarello avrebbe detto:”Credevo che il marito di Veronica non fosse Davide, ma suo padre Andrea. Mi sono confusa perché vedevo Andrea e Veronica molto in confidenza. Erano spesso insieme nella casa di lei”. Si tratta di un’intercettazione ambientale con protagonista Vanessa Di Naro, avvenuta in Questura il 27 gennaio 2015 e pubblicata dal settimanale “Giallo”. Come ricorderete, Veronica ha sostenuto, negli ultimi giorni, che lei ed il suocero fossero amanti e che Loris sarebbe stato ucciso dal nonno. «Loris aveva scoperto la nostra relazione e lui l’ha strangolato affinché non dicesse niente al suo papà», ha continuato a ripetere la Panarello. L’uomo ha negato di aver avuto una relazione con Veronica: «È solo l’ennesima follia di Veronica». Agli psichiatri Veronica aveva dichiarato: «Ero attratta da mio suocero Andrea per l’attenzione che mi dava, per come mi faceva sentire quando Davide non c’era. Davide era affettuoso ma a volte sì, a volte no. I polsi li ho legati io, ma non l’ho strangolato io. Chi era con me stava discutendo con me. Non pensavo che andasse a finire così… Quella mattina Loris mi ha detto che l’avrebbe detto a papà. C’era la tv accesa e loro stavano già parlando e discutendo. Mio figlio aveva paura, lo vedevo dalla sua faccia. Andrea mi ha detto di prendere qualcosa. Ho preso le fascette. Lui ha preso un cavo. Io sono rimasta pietrificata. Avevo gli occhi spalancati di mio figlio che guardavano me e io non riuscivo a fare niente. Poi ho provato a prendere le forbici per liberarlo. Ma quando sono tornata per liberarlo, non respirava più. I graffi che aveva al collo erano le mie unghie, cercavo di fargli prendere aria. Non ho urlato, non sapevo cosa dire… Quando ho preso il telefono per chiamare un’ambulanza, sono stata fermata da mio suocero. Andrea mi disse: “Non possiamo lasciarlo a casa”. Loris era ancora vestito, gli ho tagliato le mutandine di lato perché s’era fatto la pipì addosso, ecco perché è stato trovato con i pantaloni non abbottonati.. Poi io scendo in garage. Ho spostato la mia auto, poi è arrivato Andrea con in braccio Loris. Ho aperto lo sportello lato passeggero ed è lì che è stato poggiato. Gli ho messo un plaid blu di Topolino di sopra. Andrea si è messo nel sedile dietro di me. Ho messo un giubbotto sopra mio suocero. Avevo paura che lo vedessero». A confermare il rapporto molto stretto tra i due ci sono i tabulati telefonici. CONTINUA A LEGGERE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here