Niente più patente per chi russa la notte, ecco la visita a cui dovremo sottoporci tutti

0
8734

Il decreto del ministero delle Infrastrutture, del dicembre 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 gennaio, fissa le nuove regole relativamente all’esame di idoneità per la licenza di guida. L’oggetto del decreto riguarda quelle malattie che potrebbero pregiudicare il conseguimento o il rinnovo della patente. Fra queste, figura l’Osasm la sindrome delle apnee ostruttive del sonno. Questa patologia è causa di diversi incidenti automobilistici, visto che chi ne è affetto tende ad addormentarsi durante il giorno e, quindi, alla guida. Circa 2 milioni d’italiani ne sarebbero affetti e l’Europa ha ritenuto necessario un intervento deciso e risolutivo. Tuttavia, l’Osas non è diagnosticata e chi ne è affetto è del tutto inconsapevole. Con il nuovo decreto, tutti coloro ai quali è stata diagnosticata la sindrome delle apnee ostruttive del sonno sono obbligati a dichiararlo al medico. Sarà il medico a stabilire la presenza della patologia. Successivamente, la competenza per la valutazione dell’idoneità alla guida spetta alla Commissione medica locale. Chi sarà valutato a basso rischio, chiaramente, otterrà la patente: valida al massimo per un anno per mezzi pesanti e tre per mezzi leggeri. Ove il rischio fosse elevato, l’idoneità verrà negata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here