“Non voleva giocare con me…”. Bimbo di 11 anni prende il fucile del padre e…

0
2887

Una tragedia assurda. Ancora il problema relativo alla diffusione di armi negli Stati Uniti. Una bambina di otto anni, McKayla Dyer, è morta a White Pine in Tennessee dopo che è stata raggiunta da un proiettile in pieno petto. Secondo la polizia, il colpo è stato sparato da un bambino di 11 anni. Il piccolo, arrestato dallo sceriffo della conta di Jefferson, è accusato di omicidio volontario, un capo d’accusa che negli States è contestabile anche ai bambini di questa età. La polizia ha trovato un fucile calibro 12 ed una pistola a piombini. Il fucile appartiene al padre del bambino. McKayla stava giocando nel giardino di casa quando le si è avvicinato il bambino, un vicino di casa. L’undicenne le ha chiesto di poter giocare con il suo cagnolino e, ricevuto risposta negativa, le ha sparato. La mamma della piccola sostiene che in passato aveva avuto problemi di bullismo con il bambino e ne aveva persino parlato con il preside della scuola che i due piccoli frequentavano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here