Ragazzini si offrono ai guardoni per pochi euro: “E quel prete ci chiedeva sempre…”

0
1122

Una storia squallida e vergognosa quella che stiamo per raccontare. 5 euro per una palpata, 100 per un incontro a casa, 20 per “preliminari” in automobile. Questo è quanto emerge dall’inchiesta della Procura di Brescia che ha portato all’arresto di 11 persone con l’accusa di prostituzione minorile. Tra gli arrestati figura don Diego Rota, parroco 45enne di Solza, e Claudio Tonoli, 56enne sieropositivo di Collebeato. Tutto ebbe inizio nel 2014 dopo la segnalazione di una donna (madre di un 15 enne facente parte del giro). Il ragazzino avrebbe iniziato a frequentare delle chat di appuntamenti erotici, inizialmente, per prendere in giro i gay, salvo poi realizzare che con quegli incontri si potevano fare soldi facili. E, quasi per gioco, fissò, con altri amici, il primo appuntamento, nel quale i ragazzini avrebbero chiesto in anticipo i soldi per quelle “prestazioni”. Gli incontri avevano luogo lungo il viale del cimitero di Bergamo, o – nel caso del presentatore Corrado Fumagalli- nella villa di Treviglio. Molti rapporti si consumavano persino nei parcheggi dei centri commerciali. CONTINUA A LEGGERE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here