+++Scandalo banche+++ L’incredibile rivelazione: “Convincevano gli anziani a investire, anche in ospedale…”

2
1249

Rimangono ben accese le luci sullo scandalo che ha coinvolto alcune banche italiane. Ed emergono sempre nuovi dettagli, come i metodi con cui venivano convinti i correntisti a investire in bond a rischio. Preziosissima allora è questa intervista che un direttore di una filiale del centro Italia di Banca Etruria ha rilasciato a Repubblica, sotto garanzia di anonimato. Una testimonianza importante, che svela molti meccanismi di questa incredibile vicenda. Per piazzare bond a rischio, per esempio, “i dipendenti ricevevano premi in soldi sul rendimento settimanale. È iniziata una caccia all’uomo spietata: correntisti (soprattutto anziani) venivano raggiunti in case di cura o ospedali, incontrati casualmente fuori da scuola e invitati ad andare in banca, o chiamati uno per uno”. Il direttore continua nelle sue rivelazioni: “Con correntisti e piccole e medie imprese operavamo così: proponevamo le obbligazioni subordinate a tutti dichiarando un rischio zero. A chi invece ci chiedeva un mutuo lo concedevamo maggiorato con l’obbligo di acquistare questi titoli”. Il target di potenziali investitori era ben definito: “Si trattava soprattutto di persone con una scolarità finanziaria pari allo zero a cui noi professionisti del settore eravamo obbligati a spiegare tutto. Invece questo non avveniva. Moltissimi di loro non sapevano neanche cosa stavano firmando”. “Ho cercato di salvare quanti più correntisti più che ho potuto – spiega il direttore -, invitavo i miei clienti a rivolgersi ad associazioni di consumatori per saperne di più. Non potevo dire loro la verità, avrei rischiato il posto di lavoro, ma che le obbligazioni subordinate fossero un prodotto che avrebbe rovinato solo e soltanto i clienti lo sapevamo tutti”.

20140804_c4_anziani

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here