Smog, Italia: Danni ambiente da quattro anni

0
2267

Secondo l’Agenzia europea per l’ambiente (Aea) i danni all’ambiente ( tra cui gas serra prodotti dalle industrie e inquinamento dell’aria), tra il 2008 e il 2012, sono costati all’Italia fra 26 e 61 miliardi di euro. Tra le varie industrie in Europa, l’ILVA di Taranto rientra nella top 30 dei maxi-inquinatori.

I paesi europei che di più hanno contribuito al conto dei danni complessivi sono Germania, Grecia, Polonia, Gran bretagna, Francia ed infine l’Italia.  Tra le tante industrie, le maggiori responsabili, sono quelle energetiche ( 61%). Seguono l’industria manifatturiera (circa 12%), agricola (2%) e dei rifiuti (1,8%). In Italia, dopo l’ILVA di taranto ( 29esimo posto), abbiamo la centrale termoelettrica Federico II di Brindisi ( 33esimo posto), la raffineria di Gela ( 50esimo posto), ed infine  la raffineria di Augusta della Esso italiana (80esimo posto). Sono cifre che fanno riflettere.

Da una settimana, infatti, si sta cercando di riporre rimedio a questo serissimo problema che potrebbe compromettere il futuro delle prossime generazioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here