Svolta sul caso di Trifone e Teresa: “Si ero presente sul luogo quando sono morti”

0
2663

Giosuè Ruotolo, il commilitone e coinquilino di Trifone Ragone, ucciso con la fidanzata Teresa Costanza lo scorso marzo, ha rivelato agli inquirenti di essere stato presente nella zona del palazzetto dello sport la sera in cui è avvenuto l’omicidio. “L’indagato, contrariamente a quanto affermato nelle dichiarazioni rese come persona informata sui fatti, ha confermato di essere stato presente nella zona del palazzetto dello sport la sera del duplice omicidio. Ruotolo ha detto di essersi recato all’impianto sportivo per andare in palestra, ma di non aver trovato parcheggio e quindi di aver preferito fare ritorno verso casa. L’indagato ha anche affermato di essersi fermato effettivamente per qualche minuto all’esterno del parco di San Valentino per fare della pratica sportiva, ma di avere poi desistito quasi subito” ha proseguito il magistrato sottolineando che “Non sono stati assunti provvedimenti restrittivi, ma valuteremo nei prossimi giorni l’intero contenuto delle dichiarazioni rese”, ha confermato il procuratore di Pordenone, Marco Martani, incontrando la stampa al termine dell’interrogatorio dell’uomo durato diverse ore. Giosuè Ruotolo avrebbe raccontato di essere uscito per qualche minuto e di essersi trovato vicino al luogo dove sono avvenuti i fatti. Due, in particolare, sarebbero gli elementi che contraddicono la tesi di Ruotolo: le immagini delle telecamere nella zona del delitto, che hanno ripreso per ben due volte, proprio nell’ora in cui Trifone e Teresa sarebbero stati ammazzati, la macchina dell’indagato e quei sette minuti di buco, tra un passaggio e l’altro, interpretabili solo con una sosta nella area dove la coppia è stata uccisa, nei pressi del Palazzetto dello sport di Pordenone. “Quella sera non sono stato a casa, ma sono uscito per andare al Palasport. Non mi sono fermato perché non trovavo parcheggio, così ho deciso di andare a correre nella zona. Poi però, a causa del freddo, dopo pochi minuti sono tornato a casa”, scrive il Corriere Della Sera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here