ULTIMISSIMA LORIS: “Veronica dice la Verità, ecco come l’ho vista con il Nonno di Loris…”

0
697

Il criminologo Carmelo Lavorino, attraverso la testata Blitzquotidiano, ha scritto una lettera aperta a Carmelo Petralia, Procuratore Capo di Ragusa, e agli avvocati delle parti, Francesco Biazzo, Daniele Scrofani e Francesco Villardita. Il criminologo ha voluto dare dei suggerimenti relativamente al metodo investigativo da seguire per verificare l’attendibilità delle dichiarazioni di Veronica Panarello.Come ricorderete, la mamma del piccolo Loris ha accusato il suocero dell’omicidio di suo figlio. Il metodo suggerito dal criminologo è logico-investigativo, basato su cinque accertamenti essenziali per arrivare alla verità. Ricerca di materiale biologico. Va verificata la presunta relazione tra suocero e nuora. Occorre, poi, cercare le tracce di eventuali messaggi o telefonate tra i due nei sei mesi che hanno preceduto l’omicidio. Il terzo accertamento riguarda la ricerca del Dna e di materiale biologico di Andrea Stival sul sedile posteriore della Polo dove, secondo Veronica, l’uomo si sarebbe disteso per non farsi vedere. Poi, come quarto accertamento, è essenziale analizzare tutti i video di tutte le telecamere ubicate a Santa Croce Camerina, per osservare gli spostamenti di Andrea Stival. Secondo il criminologo, gli inquirenti dovrebbero analizzare e studiare anche gli spostamenti della compagna di Andrea Stival, Andreina. Il quinto accertamento andrebbe eseguito sulla Polo grigia della Panarello. Occorre un’analisi delle caratteristiche parametriche della vettura che – secondo Veronica– all’andata avrebbe avuto un carico posteriore di circa 70 kg (pari al peso del signor Stival). Bene, con tecniche scientifiche è possibile evidenziare eventuali dislivelli fra la parte anteriore e posteriore dell’auto. CONTINUA A LEGGERE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here