Ultim’ora: Attenzione al canone. Ora è davvero ufficiale!

0
4582

Certificazioni false? Fino a 2 anni di carcere. Le società segnaleranno al Fisco i morosi e, successivamente, scatteranno le sanzioni. “Mentire sul possesso della tv diventerà un reato. È quello che prevede la nuova bozza sulla tassa Rai preparata dal governo. Per capire il rischio che si corre, bisogna porsi una domanda: cosa succede se chi riceve la bolletta ritiene che il canone della Tv non sia dovuto? Ad un nucleo familiare potrebbero arrivare più bollette: casa delle vacanze, garage, persino quella di una cappella del cimitero. Nel caso in cui l’addebito del canone dovesse arrivare su due bollette, il consumatore dovrà seguire un iter non semplicissimo. Prima di tutto dovrà compilare un nuovo bollettino postale scomputando dal costo dell’energia quello del canone. Poi, come sottolinea il Messaggero, dovrà comunicare alla società elettrica che la tassa non è dovuta. Questo potrebbe avvenire anche se in casa non ci sono televisori o “altri apparecchi atti a ricevere il segnale televisivo”, come può essere anche un computer. Mentire in questa comunicazione sarà particolarmente rischioso, perché diventerà un reato, con una pena fino a due anni prevista dal codice per le dichiarazioni mendaci. Toccherà alle società elettriche comunicare al Fisco chi sono i “morosi”, spiega Mario Valenza su Il Giornale.

Nelle prime bozze del provvedimento era prevista una sanzione di 300 euro per i gestori che non effettuano questa segnalazione. Successivamente la multa è stata ridotta a 30 euro e, infine, nelle ultime bozze è del tutto scomparsa. Tuttavia, Ai morosi che non pagheranno la bolletta non sarà staccata la corrente elettrica. Nel decreto attuativo che dovrà essere scritto dal ministero dello Sviluppo, il nodo più delicato da sciogliere sarà quello della banca dati unica per la fatturazione. Una questione molto delicata per le società energetiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here